TAVOLO DA PRANZO – Elisa Macchi
16120
post-template-default,single,single-post,postid-16120,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

TAVOLO DA PRANZO

Oggi vi vorrei dare qualche spunto su come scegliere il TAVOLO DA PRANZO: la forma, la dimensione, il materiale….

Miniforms

La cosa fondamentale da considerare per la scelta del tavolo è la geometria della stanza, quindi capire quale forma funzioni meglio con lo spazio che abbiamo a disposizione. Ricordiamoci sempre che è utile avere sempre almeno 80-90 cm liberi tra tavolo e muro per permetterne il comodo utilizzo, mentre dove sono previsti passaggi è comodo avere almeno 120 cm.
Vi metto qualche pianta di esempio per renderlo più chiaro:

lo spazio a disposizione qui esigeva un tavolo rettangolare
anche qui lo spazio invita chiaramente ad una forma rettangolare
qui invece la geometria irregolare ci ha portati a scegliere un tavolo rotondo, non soggetto quindi ad allineamento, ma in grado di riempire molto bene lo spazio

Altro grande dilemma: tavolo allungabile o tavolo fisso?

Ovviamente non c’è una risposta netta, dipende! Dipende sostanzialmente dalle vostre esigenze. 

Se ad esempio nella vostra zona pranzo servirà un tavolo da 2 metri (che ospita quindi 8 persone comode) il mio coniglio è valutare in quante occasioni realmente avrete più ospiti.

Kristalia

Se organizzate pranzi per gli amici ogni fine settimana direi assolutamente tavolo allungabile, se invece la risposta è quasi mai o solo a Natale, e magari avere già previsto un tavolo da esterno perché avete il terrazzo, potreste anche valutare di prendere un tavolo fisso e qualora aveste necessità di allungarlo unire i due tavoli.

Rimadesio

Questo discorso ha senso perché i tavoli allungabili costano solitamente di più dei tavoli non allungabili (ovviamente) e perché magari il modello che proprio vi piace non esiste allungabile, e non ha senso rinunciarvi a priori senza valutare tutte le opzioni.

Cattelan Italia

Altra cosa da tenere in considerazione è la posizione delle gambe. Nei tavoli rettangolari avere le gambe che coincidono con gli spigoli vuol dire avere comodità di seduta in tutti i punti. Cosa non così scontata per gambe diverse.

Mdf Italia

Infine laddove lo spazio lo consente, e ne abbiamo a sufficienza, i tavoli rotondi o quadrati sono a mia avviso i più conviviali! E’ vero che trovarne di allungabili è più difficile, ma già un con un diametro di 140 cm abbiamo la possibilità di inserire 7-8 posti a sedere.  E volete mettere come è più bello conversare guardandosi tutti in faccia?!

Desalto

Velocissima panoramica ora sui miei materiali preferiti:

Mi piacciono molto quelli in alluminio, perché riescono ad avere strutture molto leggere e ariose.

Mdf Italia

Se il tavolo è in legno mi piace che il legno abbia importanza, che risalti. 

Lago Design

Non sono invece una grande fan dei tavoli in vetro, fatta eccezione di dove il vetro serva per dare risalto o far vedere qualcosa di magnifico e scultoreo, come i tavoli di Mollino.

Zanotta

Ci sono poi in commercio tavoli con moltissime nuove finiture con caratteristiche sempre diverse. Tavoli con piani in ceramica, in cemento, Hpl, Fenix…. 

Di ogni tipologia è bene considerare le caratteristiche, e valutare in base a come voi lo usate nel quotidiano se è adatto o meno alle nostre esigenze (forse la frase suona strana, intendo se lo utilizzate con la tovaglia o senza, se i bimbi ci fanno sopra i compiti, se sarà il tavolo dove mangerete tutti i giorni o solo nelle occasioni speciali ecc…).

Miniforms

Per oggi è tutto! Scrivetemi qual è il tavolo che più vi è piaciuto di più tra quelli che vi ho mostrato!!

No Comments

Post A Comment

Newsletter